lunedì, dicembre 10

La vittoria di Bolsonaro salutata da Abdo Benitez e Daniel Ortega

0

La vittoria elettorale, il 28 ottobre, di Jair Bolsonaro Messias ha fatto scattare i messaggi tradizionali di congratulazioni da parte dei leader del Sud America. Tanto più che la svolta a destra, a livello elettorale, è pronunciata in più di un paese del Sud America. Sebastian Piñera – professore di economia presso varie università durante la dittatura di Pinochet, e in particolare acquirente, attraverso una società con sede a Panama, di una proprietà di 118mila ettari di cui ha dovuto cedere 8 ettari, dopo una lunga procedura, a 16 famiglie indigene – non ha usato mezzi termini. Si è felicitato (28 ottobre) con «il popolo brasiliano per un’elezione pulita e democratica. Mi congratulo con @jairbolsonaro per il suo grande trionfo elettorale. Lo invito a visitare il Cile e sono sicuro che lavoreremo con determinazione, forza e la visione del futuro per il benessere dei nostri popoli e per l’integrazione».

Il presidente del Paraguay, Mario Abdo Benitez, al potere dall’agosto 2018 si è profuso, parimenti. È vero che nel 1989 s’è arruolato nelle forze armate del Paraguay ed era un paracadutista. I suoi rapporti familiari con il dittatore Alfredo Stroessner non sono segreti e suo padre era stato per anni il segretario privato del dittatore. La fortuna del padre, che lui ha ereditato, è stato costruita sotto la protezione del regime dittatoriale, e gli è valsa un processo per “arricchimento illegale” che non è durato a lungo ed è stato perso nelle sabbie dello stroessnerismo imperante. Ha detto che Stroessner (al potere – in modo assoluto – 1954-1989) «ha fatto molte cose buone per il paese», e che lui non condannava le violazioni dei diritti umani, la tortura e la persecuzione durante la dittatura. In poche parole: un fratello d’armi di Bolsonaro.

Uribe, Trump e Netanyahu

Nella tradizione dei presidenti che si trovano a destra della destra, Ivan Duque, eletto nel giugno 2018 alla presidenza della Colombia, non ha mancato di inviare «Congratulazioni a @ jairbolsonaro, nuovo presidente del Brasile, democraticamente eletto. Il nostro desiderio è che questa nuova tappa del paese vicino sia il benessere e l’unità. Speriamo di continuare il nostro rapporto fraterno per rafforzare le relazioni politiche, commerciali e culturali”. Ivan Duque è stato legale presso la Banca Interamericana di Sviluppo (BID) e le Nazioni Unite. Egli era ed è uno stretto alleato del presidente Alvaro Uribe, noto per le sue politiche repressive, e non solo per il suo rifiuto di “pace concertata” con le FARC. Duque è anche un forte sostenitore delle politiche neoliberiste. La sua campagna ha ricevuto il sostegno esplicito dei grandi proprietari terrieri e le cosiddette comunità imprenditoriali che non hanno mai esitato a uccidere sindacalisti e attivisti a favore di un minimo accesso alla terra, per non parlare della repressione apertamente razzista contro i discendenti degli schiavi africani o dei popoli indigeni.

Nessuno dubitava che Donald Trump avrebbe twittato le congratulazioni a Jair Bolsonaro, che immediatamente se n’è vantato ore dopo l’annuncio dei risultati, «lodato per questa storica elezione da parte del presidente degli Stati Uniti». La portavoce di Donald Trump, Sarah Sanders, ha dichiarato: «I due uomini hanno espresso il loro forte impegno a lavorare insieme per migliorare la vita dei residenti degli Stati Uniti e Brasile, e come leader regionali delle Americhe!” Grato, Jair Bolsonaro ha detto che il suo primo viaggio come presidente sarebbe stato a Washington. Dato il sostegno della chiesa evangelica pentecostale, ha “confessato” che la sua secondo destinazione sarà Israele e in seguito il Paraguay, che ordinerà il trasloco dell’ambasciata brasiliana a Gerusalemme. Il quotidiano Haaretz, il 31 ottobre ha indicato che “molto probabilmente”, Netanyahu sarà presente a Brasilia, durante la cerimonia di insediamento di Jair Bolsonaro. Tuttavia, questa dichiarazione di intesa tra Netanyahu e Bolsonaro ha sollevato alcuni interrogativi. Il primo è sul supporto dell’estrema destra brasiliana, certamente limitata, che non nasconde la sua ammirazione per Hitler.

Nelle proteste contro Bolsonaro era presente la caricatura di un bolsonaro con baffetti hitleriani. Il secondo interrogativo riguarda la concezione delle correnti evangeliche pentecostali sul “destino di Israele”. Il battesimo di Bolsonaro nelle acque del Giordano può essere interpretato in modi diversi. Tra gli evangelici, la relazione con Israele e la sua gente è complessa. I sionisti cristiani considerano la loro relazione con Israele da un punto di vista teologico. Per loro, si tratta di “sottomettere gli ebrei perché confessino che Gesù è il Signore”. E questo può essere fatto “con l’amore o il fuoco”. Le insidie di questo rapporto tra Benjamin Netanyahu, Donald Trump, Jared Kushner (genero di Trump responsabile di un presunto piano per la pace tra Israele e i palestinesi) e Jair Bolsonaro già suscitano molte polemiche nella stampa americana e israeliana, e non diminuiranno dopo il rifiuto da parte della comunità ebrea di Pittsburgh della visita di Trump a seguito del massacro antisemita nella sinagoga “Albero della vita”.

Ortega-Murillo, “i loro migliori auguri”

Gli “alberi della vita”, mostri di metallo che la moglie di Daniel Ortega, Rosario Murillo, ha seminato per Managua, ci permettono di stabilire un legame stilistico con la rimarchevole affermazione di Ortega e Murillo, che hanno salutato «il trionfo elettorale Di Jair Bolsonaro». Ecco il testo inviato a Bolsonaro dal binomio dittatoriale nicaraguense:

Managua, 29 ottobre 2018
Sig. Jair Bolsonaro
Presidente eletto del Brasile
Signor Presidente eletto:
Salutiamo in modo molto speciale la giornata elettorale esemplare che il popolo brasiliano ha attuato ieri, consolidando la vocazione di pace che caratterizza questo paese fraterno. Salutiamo anche la vostra elezione a Presidente del Brasile, confidando in Dio e chiedendogli con tutto il cuore il meglio per questa cara gente. La regione e il mondo stanno attraversando momenti segnati da grandi sfide. Come fratelli e sorelle nella grande patria, ci riconosciamo come capaci di affrontare queste sfide e di lavorare per promuovere un incontro e una vita insieme che rafforzino i sogni di sicurezza e benessere dei nostri popoli. Dal Nicaragua, benedetto e sempre libero, vi inviamo i nostri migliori auguri per questo immenso e vicino meraviglioso Brasile.
Daniel Ortega Saaverdra e Rosario Murillo

Come illustrato dalla riproduzione della lettera originale, l’intestazione di questo messaggio merita attenzione. È formulato in questo modo, a sinistra: “Governo della riconciliazione e unità nazionale. Il presidente della gente!”. E, a destra, “Unità nelle vittorie. Per la grazia di Dio!”

Nel riquadro giallo è riprodotta la forma dell’”albero della vita” come immaginato da Rosario Murillo. Alla fine della prima pagina, troviamo lo slogan “Fede, famiglia e comunità! Cristiano, socialista, solidale! Comandante Daniel”.

Inettitudine e inezie

La somiglianza con la maggior parte degli slogan evangelico-bolsonaristici ha più senso, di un frutto marcio dell’ “albero della vita”. Tuttavia, sembra che in Europa il sandinismo nostalgico perpetui la sua difesa del regime dittatoriale di Ortega-Murillo. Il regime “della fede” ha sostituito le poche tracce di una ragione politica che è stata da tempo sepolta in profondità. E’ vero che l’”antimperialismo” trascina molti attivisti a credere che qualcosa come 750mila venezuelane e venezuelani sulla via dell’esilio o condannati ad aspettare la chimera dell’acquisto di beni di base – nel paese della rendita petrolifera – siano un’invenzione della propaganda statunitense e a credere senza freni a fake-news quasi competitive con quelle trasmesse da Bolsonaro durante la sua campagna elettorale. A questi adepti del pappagallismo antimperialista, che ha raggiunto un grado di maturità particolare, sfugge “l’analisi concreta di una situazione concreta” e, più in generale, la complessità della dialettica rivoluzione-controrivoluzione. Non si assumono nemmeno il rischio di mettersi in discussione e di evitare di decidere di fronte a ciò che sfugge ad uno schema rassicurante. Da questo punto di vista, nell’evoluzione del pensiero politico, si fermano un livello sotto l’asino di Buridano che è morto di fame perché incapace di decidere tra bere e mangiare. Soffocano per aver ingurgitato sciocchezze e infamia. Seguono l’esempio di ciò che era la fede per alcuni, nel 1950, e può essere sintetizzata dall’opera del “filosofo” Georges Cogniot – guru del segretario generale del PCF Thorez – “Piccola guida sincera all’Unione Sovietica”, Ed. Sociale, 1954. Più vicino a noi anche se molto tempo fa, negli anni 1960 e 1970, alcuni anti-imperialisti hanno masticato con determinazione il libretto rosso dei pensieri di Mao, compresa la sua copertina plastificata.

Auto-produzione di soggetti collettivi

In questo presente caotico, né le analogie storiche semplificate o persino quelle pretenziosamente sofisticate, né i modelli schematici di pensiero teleologico (ad esempio, un presunto Stato operaio burocraticamente degenerato che avrebbe portato, una volta fallita la rivoluzione politica, a un “post -capitalismo” dal carattere sfuggente) possono essere utilizzate per provare, per approssimazioni successive e correzioni, l’intreccio tra i conflitti di classe a livello internazionale, la loro traduzione su scala nazionale, l’interazione tra i due livelli, e la loro espressione in termini di strutture statali e conflitti interstatali. L’incertezza può essere un vettore di creatività politica, che non elimina in alcun modo la necessità di prendere posizione. Una presa di posizione con un’angolazione di campo e di pratiche che possono essere riassunti come: un’opzione preferenziale per gli sfruttati e gli oppressi che, vincenti o perdenti, affermano il loro desiderio di emanciparsi contro le classi dominanti e i loro molteplici strumenti di dominazione sugli esseri umani e sul loro ambiente di vita.

È nel ventaglio di questi conflitti che si possono auto-produrre i soggetti collettivi reali per l’emancipazione e la trasformazione dei rapporti tra individui, qui possono portare alla fioritura dello sviluppo inter-individuale di tutte e tutti, nella loro singolarità. Questa prospettiva richiede un coinvolgimento collettivo radicalmente nuovo all’interno del processo produttivo. Uno dei suoi presupposti si trova in una drastica riduzione del tempo di lavoro che cambi il rapporto tra il tempo detto libero e quello lavorato e li trasformi congiuntamente. Questa gestione rinnovata alla radice della produzione sociale crea la possibile trasformazione dei rapporti con l’ecosistema – compreso come un insieme formato da una comunità di esseri viventi in inter-relazione con il proprio ambiente – introducendo, tra le altre cose, la lenta egemonia del valore d’uso sul valore di scambio (2 novembre 2018)