domenica, marzo 24

Analfabeti: politici ed informatici

0

Che la classe politica cantonale sia in gran parte un po’ analfabeta politicamente è un dato di fatto. Ma, ci si dirà, si tratta di un giudizio politico, come tale contestabile. E va bene. Però nessuno può negare che questa stessa classe politica abbia mostrato un grado di analfabetismo digitale assai elevato.
Ci riferiamo alle domande con le quali parlamentari di ogni bordo hanno chiesto, a gran voce, come ha fatto l’MPS ad avere gli indirizzi informatici degli impiegati dello Stato. Esse denotano non solo ignoranza informatica, ma ignoranza tout court in merito alle informazioni che il Cantone, il suo portale in primis, fornisce proprio sui suoi dipendenti (che sono pubblici poiché si tratta di dipendenti pubblici).
E questo naturalmente la dice lunga, poiché costoro, deputati di ogni risma, consultano o dovrebbero consultare, perché su di essa vigilano, l’amministrazione dello Stato. Se non sanno nemmeno queste cose elementari ci si potrebbe chiedere come fanno a vigilare. Di fatti, come dimostrano le vicende rimborsopoli e pensionopoli, non vigilano.
Ecco allora un piccolo ripasso a beneficio del sergente Galusero, del soldato Badasci e di tutta la mandria che si è espressa in merito.
Ammettiamo che io voglia avere gli indirizzi e-mail di coloro che lavorano, che so io, all’ufficio giuridico del Dipartimento del Territorio. Nulla di più facile. Apro la pagina del cantone, apro la pagina del DT, apro la pagina dell’Ufficio giuridico e schiaccio sulla voce collaboratori: mi uscirà una lista di nomi; faccio copia e incolla, ripulisco dalle informazioni inutili (telefono, etc.) e una volta pulita la lista vi aggiungo il suffisso ti.ch. Per gli insegnanti è ancora più facile. Su quasi tutti i siti delle scuole sono rintracciabili i nomi degli insegnanti. Copia e incolla e il suffisso edu.ti.ch
Naturalmente ci vuole un po’ di tempo e lavoro. Ma lo staff su cui può contare l’MPS, come noto, è immenso, tutta gente profumatamente pagata, che viene gratificata con indennità di trasferta, di telefonia e prestazioni pensionistiche da far impallidire persino i consiglieri di Stato. Oltre a godere di ricorrente e sostanziali aperitivi che farebbero impallidire persino quelli, costosi, ai quali si dedica il dipartimento del filiforme Gobbi.

Share This