martedì, giugno 25

Il Parlamento, i cittadini e le cittadine hanno il diritto di sapere sulle rendite pensionistiche del Consiglieri ed ex Consiglieri di Stato

0

La Commissione della gestione e delle finanze (CGF), in occasione della stesura del suo rapporto sulla pretesa di risarcimento presentata dall’MPS in materia di pensioni degli attuali Consiglieri di Stato (riscatto di anni di servizio) ed ex Consiglieri di Stato (supplemento sostitutivo AVS), ha superato se stessa.

Dopo ben 10 mesi di riunioni, pur potendo contare su ben due perizie di autorevoli professori universitari messe a disposizione gratuitamente dal Movimento per il Socialismo, nonché di una perizia allestita dal Consulente giuridico del Gran Consiglio, la CGF è riuscita a firmare un rapporto nel quale, oltre ad ignorare praticamente del tutto le tre perizie, non viene neanche definita la pretesa avanzata: cioè quanto i Consiglieri di Stato e gli ex Consiglieri di Stato hanno incassato alla voce “supplemento sostitutivo AVS”, quanto hanno pagato per gli anni di riscatto e quanto è stato loro consentito di prelevare per il finanziamento della propria abitazione.

Non si capisce, in queste condizioni, come possa il Gran Consiglio condurre una discussione; e ancor meno si capisce come possano i cittadini e le cittadine farsi un’idea precisa sul tema senza avere l’impressione che si voglia nascondere la verità. Cittadini e cittadine che si sentono sempre più presi in giro visto che, in questi ultimi anni, i loro diritti pensionistici sono stati violentemente attaccati e smantellati, sia direttamente che indirettamente, proprio con il concorso dei partiti politici che siedono nella CGF.

Al fine di sopperire a questa scandalosa mancanza della CGF, con la presente interpellanza pongo le seguenti domande, atte a poter disporre di dati importanti:

1. Dal 1998 al 2018, quanto è stato versato, complessivamente e per ogni singolo anno, dall’amministrazione cantonale ad ex Consiglieri di Stato a titolo di supplemento sostitutivo AVS?

2. Dal 1998 al 2018 quanti sono stati, complessivamente, gli anni riscattati dai 6 Consiglieri di Stato e qual è stato l’importo complessivo versato?

3. A quale rendita annua supplementare dà diritto ognuno di questi anni di riscatto? E complessivamente, qual è l’aggravio pensionistico che pesa (per gli ex Consiglieri di Stato) e peserà (per i Consiglieri di Stato che hanno riscattato anni di servizio e sono ancora in funzione) sullo Stato?

4. Il costo degli anni riscattati è stato per tutti e tutte uguale?
a) Se non è stato uguale, cosa ha determinato la differenza di prezzo?
b) L’età anagrafica? La data dell’acquisto, ovvero se l’anno o gli anni sono stati riscattati da un Consigliere di Stato al momento dell’entrata in carica, rispettivamente all’uscita dalla carica?

5. Dal 1998 al 2018, nei casi in cui alla carica di Consigliere di Stato è stato eletto un affiliato all’Istituto di previdenza del Cantone Ticino, su quale centro costo è stata versata la somma delle tasse e dei contributi ricevuti dall’Istituto di previdenza?

6. Quanti sono stati, dal 1995 al 2018, i casi di Consiglieri di Stato che hanno attinto alle casse dell’amministrazione pubblica per finanziare la propria abitazione?

7. A quanto ammonta complessivamente questo finanziamento?

8. Da quale centro costo è avvenuto il prelevamento per il finanziamento della priopria abitazione?

*Interpellanza del Deputato MPS Matteo Pronzinidel 7 febbraio 2019.

 

Share This